FAQ

Cos’è l’agricoltura sociale?
L’agricoltura sociale indica in senso ampio tutte quelle esperienze che coniugano agricoltura ed utilità sociale, nelle quali le risorse dell’azienda agricola sono impiegate non solo per la produzione di beni alimentari, ma anche per fornire servizi rivolti a migliorare la qualità della vita delle persone (con particolare riguardo alle fasce deboli della popolazione e/o a rischio di marginalizzazione) e della collettività.


Cos’è il franchising sociale?
Il franchising sociale è un processo attraverso il quale il creatore di un collaudato progetto sociale, il franchisor, al fine di di diffondere i valori del progetto e aumentare la qualità dei prodotti/servizi (massimizzazione dell’impatto sociale), consente ad altri, i franchisees, di replicare il modello collaudato e usare il marchio, per ottenere risultati sociali, sviluppo di sistema e informazioni sull’impatto sociale. Generalmente, il franchising sociale può essere definito come l’adattamento di tecniche di franchising commerciale in progetti orientati a realizzare benefici sociali nel settore no-profit.


Cos’è un marchio collettivo?
Per marchio collettivo si intende il marchio la cui registrazione viene richiesta non da un singolo imprenditore che lo utilizza per contraddistinguere i prodotti provenienti dalla propria azienda, bensì da soggetti che svolgono la funzione di garantire l’origine, la natura o la qualità di determinati prodotti o servizi, al fine di concederne l’uso secondo le indicazioni contenute nel rispettivo regolamento, a produttori.
Il titolare del marchio collettivo è obbligato a verificare con appositi controlli i prodotti o servizi dei produttori ai quali è stato concesso l’uso del marchio stesso.


Perché un marchio per l’agricoltura sociale?
Perché i comportamenti privati che hanno una ricaduta sociale devono essere evidenziati agli occhi dei consumatori, delle istituzioni e dei cittadini, come percorso di miglioramento del vivere insieme.
Per disporre di un marchio etico i cui valori siano comunicati in maniera omogenea sul territorio.
Per fare rete, condividere valori, rafforzare identità e valorizzare le proprie esperienze.
Per comunicare in maniera trasparente ciò che viene fatto.


E’ la mia impresa/territorio franchisible?
Non è richiesta esperienza specifica nel settore dell’agricoltura sociale; l’esperienza potrà essere acquisita attraverso un’attività di accompagnamento offerta dal franchisor. Il potenziale affiliato ideale dovrà essere:

  • di mentalità aperta, ossia disposto a confrontarsi e a prendere in considerazione idee e punti di vista alternativi;
  • dotato di spirito collaborativo, ossia in grado di interagire efficacemente con gli altri;
  • aperto al miglioramento, ossia desideroso di apprendere dalle situazioni e impegnato ad ottenere risultati migliori;
  • in grado di agire in modo responsabile ed etico;
  • versatile, ossia in grado di adattarsi facilmente a situazioni diverse;
  • capace di lavorare in rete;
  • propenso alle relazioni d’aiuto.


Perché aderire e diventare franchisee?
I Buoni Futti velocizza e facilita lo start-up facendo leva su conoscenze consolidate, supporti ed un marchio credibile e riconosciuto sul territorio.
Per entrare a far parte di una comunità di progetto capace di favorire una rapida crescita comune, senza dispersione di risorse.
Per far parte di una rete di esperienze e apprendimento condiviso dove valorizzare insieme le proprie conoscenze.
Per avere degli strumenti di lavoro e di sostegno.
Per avere un interlocutore e un partner preparato (Franchisor) in grado di affiancare costantemente l’impresa nel suo percorso.
Per contribuire alla diffusione di innovazioni sociali, con maggiore impatto per il territorio.
Per cambiare rapidamente e insieme in una direzione condivisa.